Pubblicato su carta sin dal 1993, è uno dei più longevi periodici dell'area della Piana del Sele e Cilento. La Collina degli Ulivi online vuole essere ancora di più un luogo di informazione, ascolto e diffusione di idee, anche attraverso l'interazione in tempo reale con i suoi lettori in ogni parte del mondo.

giovedì 21 agosto 2008

Scomparso il fontanile di Falagato

Un commento

di Lucio Ascolese

CHE FINE HA FATTO IL FONTANILE DI FALAGATO? Giro intorno a una piccola area circondata dall’asfalto. Sterpi, pezzi di cemento, bottiglie. È strano, doveva essere qui ... proprio qui! Il fontanile a Falagato è sparito. Lungo la strada che conduce al Feo, ad una biforcazione, si trovava questa vecchia fontana/abbeveratoio, di un tipo che era facile incontrare nelle nostre contrade. Non forniva più acqua né agli uomini né alle bestie, tuttavia stava lì, contrassegnava, identificava un luogo; come i maestosi esemplari di quercia, i morbidi declivi (tempe) del suolo, la vegetazione serpeggiante lungo i corsi d'acqua. Ho chiesto. Pare che costituisse intralcio, impedimento all'avere strada per trattori a due piani, per suv king-size e camion smisurati. Costava molto adattarsi? Neppure con un tanto semplice e umile manufatto siamo riusciti a coabitare? A nessuno mancherà quell’oggetto saldo e rassicurante, che chiedeva un po' di spazio per durare nel tempo? E la sensibilità, la pietas per una testimonianza così familiarmente conosciuta? Ma insomma, importa davvero a qualcuno conservare un'identità attraverso il volgere degli anni, "riconoscersi" nel flusso degli eventi? A fronte delle trasformazioni sociali, economiche e ambientali, deve essere possibile realizzare un "rapporto di amicizia" con il paesaggio, con ciò che lo costituisce. Immaginare che il proprio mondo è solo quello che recintiamo e crediamo di aprire/chiudere all'esterno con imponenti muri, inferriate, porte e cancelli, è sordidamente egoistico, oltre che di una irrimediabile stupidità. Siamo tutti condizionati dal luogo e raggiungiamo l'identità quando cominciamo a scegliere, fissare le immagini che esso ci offre. Cancellare queste immagini ci condanna all'anonimia, al dimorare, non al (con)vivere "in quel posto", sentendosi con gli altri qualcuno, sentendo di appartenere a una terra, di avere una storia. Oltre alla riprovevole mutilazione del paesaggio, sono l’accettazione passiva, il silenzio sull’ennesima ferita a essere segnali ancor più tristi.

1 commento:

  1. Bruno Di Venuta jr.25 agosto 2008 14:28

    Caro Lucio purtroppo questa è la triste realta altavillese! L'indifferenza di tutti ha portato alla distruzione di numerose testimonianze della nostra storia e delle nostre radici. Resto stupefatto quando si leggono articoli, su Unico, che descrivono il progetto di realizzazione di una pista ciclabile che dovrebbe attraversare diversi comuni salernitani, tra i quali Altavilla, promovuendo itinerari turistici! L'autore dell'articolo, giovane altavillese, si è chiesto cosa si trova di "turistico" ad Altavilla?. Non era il caso di fare un articolo denunciando lo stato delle chiese altavillesi o del castello medievale?

    Bruno Di Venuta Jr.

    RispondiElimina